Pergamene

Consistenza del fondo: 280 pergamene

Periodo documentato: 1224 - 1771

Caratteristiche della documentazione

Redatte su pelli di animali (per lo più bovini e capre) conciate e poi lisciate, a causa del loro particolare formato le pergamene sono conservate separate dagli altri documenti antichi (in carta) e costituiscono un fondo a sé stante.

Questa sezione, che conserva la testimonianza più antica dell’archivio, un atto concernente un’investitura di beni del 27 dicembre 1224, ci fornisce preziose informazioni sulle vicende dell’Università dei borghesi durante il medioevo e costituisce una delle principali fonti per la storia del Locarnese di quel periodo.

Intervento di riordino

All’inizio degli anni 1970, Padre Rocco da Bedano riordinò cronologicamente le pergamene e ne pubblicò i regesti nella rivista Archivio storico ticinese del 1974 (n. 59 e 60).

L’ordine cronologico conferito ai documenti e la loro datazione sono stati verificati e, quando necessario, corretti. Quattro pergamene scoperte nel corso del riordino e non comprese nell’inventario del 1974 sono state inserite nel fondo.

Ogni documento è stato pulito, dotato di segnatura e collocato in apposite cartelle in cartone neutro.

A riordino concluso è stato redatto un nuovo inventario cronologico delle pergamene che riveste più che altro una funzione di strumento di controllo.

All’utente interessato a conoscere il contenuto dei documenti si consiglia di consultare sia i regesti pubblicati nell’Archivio storico ticinese, sia una loro versione abbreviata, integrata nei regesti della sezione B, che permette di inserire le pergamene nel contesto storico-archivistico in cui hanno avuto origine.